Quantcast
Bookmark and Share

Stefano Ronchi

Stefano.Ronchi

Profile/CV

La caratteristica principale del mio lavoro, di matrice surrealista, è l'attenzione maniacale al dettaglio in microcosmi affollati e densi di situazioni, attraverso un approccio miniaturista, supportato dall'utilizzo di una lente d'ingrandimento per iperdefinire ogni centimetro quadrato dell'opera.
Contesti urbani vengono oniricamente smembrati in un brulichio di architetture, forme e relazioni sociali sconvolte, provocatoriamente giustapposte senza un ordine apparente.
Il ricordo d'infanzia e l'incubo paranoide si ricompongono con grafite o colore su tela e carta, spesso attraverso la pareidolia, restituendo un duello tra libertà dell'assurdo e arbitrarietà della norma.
I maestri che maggiormente influenzano il mio operato spaziano da Leonardo a Bosch, Brueghel, Dalì, Ernst, sino ai più recenti Arrivabene e Di Piazza.

The main feature of my work, surrealist, is the meticulous attention to detail in microcosms crowded and dense with situations, through a miniaturist approach, supported by the use of a magnifying glass to define every square inch of the work.
Urban contexts are dismembered in a dream-like swarm of architecture, forms and social relations disrupted, provocatively juxtaposed with no apparent order.
Childhood memories and paranoid nightmares are recomposed with graphite or color on canvas and paper, often through pareidolia, returning a duel between the freedom of the absurd and arbitrariness of the rule.
The masters that have most influence on my work ranging from Leonardo to Bosch, Brueghel, Dali, Ernst, to its most recent Arrivabene and Di Piazza.

Next exhibitions in program

2-19 Feb 2015 _Il Reale non basta_ Ronchi • Caredda • Sea Creative • Idili
Museum of Contemporary Art of Lissone (Milan) a cura di Stefano Pellizzari

7 Feb - 22 Mar 2015 - Spring Exhibition, La Galerie 1940, Edimburgh

2015/ Subculture Fanzine Project, Galleria OttoZoo, Milan
2015/3 Number90, London, more info later
2015/6 Roma Area, more info later

Exhibitions

• 2014/6 Cervelli su carta a cura di G.P.Manzoni, Galleria arte Passante, Milano
• 2014/4 Fuori Salone dentro Cà Laghetto, via laghetto, Milano
• 2014/3 A.N.S.I.A.3.0. @Art for Interior Gallery, via Pellegrino Rossi 5, Milano
• 2013/10 Solo show, No words, Milano
• 2013/10 Premio Giovani Talenti per Ferrara 1°classificato, Galleria L'Altrove, via de Romei, Ferrara
• 2013/10 Solo Show, presentato da No Words, Spazio senza Tempo, via Capelli 3, Milano
• 2013/6 Snake Shaped River, a cura di A. Crespi, Castello Viconteo di Trezzo sull'Adda (Mi) (CAT)
• 2013/5 Arte in Sarpi, a cura di Rossella Farinotti, Milano
• 2013/4 Solo, Circolo Culturale ArciArea, Carugate (Mi),
• 2013/1 In Memoria, a cura di Stefano Ronchi, Villa del Castello Visconteo a Trezzo sull'Adda (CAT)
•2012/11 A.N.S.I.A. PostCards Show, spazio LabRouge, Milano
•2012/11 Il viaggio ..nel sogno, a cura di f. Mariotti e S. Greggio, spazio L'Altrove, Ferrara
•2012/10 Scusate il disturbo, a cura di Rossella Farinotti, presso Palazzo Isimbardi, Milano (CAT)
•2012/10 Il tempo della Crisi, (A.N.S.I.A. feat Lidea), presso Spazio Bagutta, Milano (CAT)
•2012/10 Finalista Giovani Talenti per Ferrara, presso Grotte del Boldini, Ferrara (2° Classificato) (CAT)
•2012/9 A.N.S.I.A. al FastFest, presso km33, Trezzo sull'Adda (Mi)
•2012/5 Finalista XI Premio GhigginiArte Giovani. Galleria Ghiggini, Varese (CAT)
•2012/5 A.N.S.I.A., a cura di S. Ronchi e G. Menalli, Castello Visconteo di Trezzo Sull'Adda (MI) (CAT)
•2012/5-6 Finalista V premio Movimento le Segrete di Bocca, Libreria Bocca, Milano (CAT)
•2012/4 A.N.S.I.A., La Locomotiva, Vimercate (Mi)
•2012/3 A.N.S.I.A., ArciArea, Carugate (Mi)
•2011/12 Secret Places: Ronchi, Aimasso, Rabufetti, (A.N.S.I.A.) Ca’ Laghetto, Milano (CAT)
•2011/7 Stefano Ronchi, Artecaffè,Trezzo sull’Adda (MI)
•2011/6 Il Segno Moltiplicato, Galleria Accademia Contemporanea, Milano
•2010/12 Concorso Polarexpo, Body Shots_Ronchi/Arisu, Spazio Polaresco, Bergamo (CAT)
•2010/7 Musica che Abbatte i Muri, Trezzo sull’Adda (Mi)
•2010/6 Musica che Abbatte i Muri, Vaprio d’Adda (Mi)
•2008/1 Giornata della Memoria, Km 33, Trezzo sull’Adda (MI)
•2007/9 Fast Fest, Km 33, Trezzo sull’Adda (MI)

Gallerie:
• Plaumann Art Gallery, via Santa Marta 8, Milano
www.galleryplaumann.com


Treviglio 1985. Cresciuto a Trezzo sull’Adda, paese di lugubri memorie viscontee, di ambigui fondali leonardeschi, di notturne citazioni manzoniane, il nostro Jacovitti dark ha studiato molti anni al liceo artistico di Bergamo (“Sono stato bocciato qualche volta, andavo male in tutte le materie tranne che in storia dell’arte”), quindi a Brera dove Bernardino Luino gli ha rivelato i segreti dell’incisione. Nel dicembre 2011 ha fondato nella mitica, morattiana, milanese Cà Laghetto il gruppo A.N.S.I.A., insieme ad altri “giovani artisti romantici, simbolisti, surrealisti ed espressionisti”. Vive a Londra, nel borgo di Hackney.

Treviglio 1985. Brought up in Trezzo sull'Adda, land of gloomy Viscontian memories, ambiguous Leonardian backgrounds, nocturnal Manzonian passages, our dark Jacovitti attended for many a year Bergamo's Liceo Artistico ("I failed a few times, I was really bad at everything other than art history"), and then at Brera Academy, where Bernardino Luino disclosed to him the secrets of engraving. In December 2011 he funded in the legendary Ca Laghetto, Milan, the group A.N.S.I.A. (Italian for "anxiety"), together with other "young romantic artists, symbolists, surrealists and expressionists". He lives in London, in the Borough of Hackney.

Camillo Langone • Eccellenti Pittori 2014


Stefano Ronchi è l’esempio tangibile di uno scrupoloso stile che nutre le sue radici da microcosmi quasi infiniti, come infinita può risultare la sua pittura illustrativa: dai temi medievali, a Hyeronymus Bosch, fino al Cinquecento italiano. Opere spesso di piccole e medie dimensioni, elaborate attraverso un sudato lavorio di immaginazione e giochi di stile, senza un termine.

He is the figurehead of a precise style rooted in almost infonite microcosmos, as infinite seems to be his painting: from medieval themes, to Hyeronymus Bosch, up to the Italian Cinquecento. Works of art in small or medium sizes, made trough hard work of imagery and the effects of the style

Rossella Farinotti • A.n.s.i.a. 3.0. 2014


Più morbido, ma soltanto nei contrasti ottenuti a grafite da Stefano Ronchi, è il bianco e nero di lavori ossessivamente densi di figure chiamate a tessere sotto la lente, con diabolica abilità, ogni trama della composizione in maschere e mostri, veri ed acrobatici “sarcasmes”, perfetti contro la teoria (e la pratica) dell’accumulo, pilastro spezzato della cultura e dell’economia occidentali.

Softer, but only in the graphite contrasts drawn by Stefano Ronchi, is the black and white of works obsessively dense with characters. Characters beckoned to weave with devilish ability, under the magnifying glass, the texture of a dance of masks and monsters. True, acrobatic "sarcasmes", deployed to challenge the theory (and practice) of stockpiling, broken pillar of the western civilisation and economy.

Alberto Crespi • Snake Shaped River 2013

Publications:

• Interview @ Bizzarre Magazine
http://www.bizzarre.co.uk/#!ronch/c54x
• Interview @ World Social Forum
http://wordsocialforum.com/2015/03/03/il-surreale-e-lestetica-cura-dei-dettagli-intervista-a-stefano-ronchi-aka-ronch/
• Interview @ Illustrati September 2014, Logos (Interview)
http://www.libri.it/riviste/illustrati/settembre_2014/
• Interview @ LoSbuffo
http://losbuffo.com/2014/08/11/cervelli-su-carta-by-artepassante-lintervista/
• Article @ Made in shoreditch
http://madeinshoreditch.co.uk/2014/10/28/surrealism-from-stoke-newington-stefano-ronchi/
• Illustrati_Il giardino delle Delizie, Marzo 2014, Logos
http://www.libri.it/riviste/illustrati/marzo_2014/
• Article @ Frattura Scoposta_Luglio-Agosto 2013
http://www.fratturascomposta.it/numeri/FS_luglio_2013.pdf
• Il tempo che continua Opere di giovani artisti A.N.S.I.A._poesie di Oretta dalle Ore, edizioni Fai da te, 2012
• Article @ Km33 Cose a caso, n1, Luglio 2012

•Biografia
Stefano Ronchi (3 luglio 1985) Nasce in una famiglia dove disegno e pittura sono gli hobby principali, tra amanti di fantascenza, fantasy e surrealismo. Già da piccolissimo si cimenta con lo zio e il padre colorando e disegnando di continuo.
Sin dalle scuole superiori è indirizzato verso il mondo dell’arte, studiando prima al liceo artistico di Bergamo e poi laureandosi in Arti Visive presso l’Accademia di Brera con una tesi su Max Klinger, maestro del disegno e della grafica d’arte. Proprio l'abilità nel disegno muove tutto il suo lavoro subordinato esclusivamente all’inconscio e alla forma. Già durante gli anni del liceo sviluppa una sconfinata passione per lo studio della storia dell’arte, che lo porta a fondere la realizzazione di disegni, stampe e dipinti, con una matrice Dada/surrealista, autobiografica, limitando l’uso dei colori fondamentalmente al bianco e nero, rappresentanti per antonomasia del mondo della fantasia e del sogno.
Nel 2009 frequenta lo studio di Giovanni Brambilla nel Trezzese, per affinare le tecniche incisorie, su tutte l'acquaforte, e l'anno successivo (2010) abbandona i corsi di specializzazione all'Accademia per dedicarsi ad uno studio e ad una ricerca più mirata alle sue esigenze ed alla sua sete di conoscenza artistica, che faticava a trovare stimoli all'interno del lento organo scolastico.
Nel dicembre 2011 ha dato vita ad A.N.S.I.A, di cui è principale promotore e organizzatore, un progetto di condivisione dell'arte contemporanea, che raduna giovani artisti romantici, simbolisti, surrealisti ed espressionisti, il cui punto d'incontro è, oltre all'ansia tipica dei giovani, l'uso dell'abilità tecnica per realizzare opere d'arte pittoriche o scultoree.
Dal 2014, dopo un anno a Milano in Ca' Laghetto, carica di stimoli ed energie creative, ritorna a dipinti di dimensioni maggiori, studiando il lavoro di Brueghel e Bosch, sempre il disegno è alla base per tutto, la Grisaille diventa la tecnica preferita, procedendo poi per velature di colore.

Dal settembre 2014 si trasferisce a Londra


•Biography
Stefano Ronchi ( 3th july 1985) Born into a family where drawing and painting are the main hobbies, among lovers of science fiction, fantasy and surrealism. Even at 3 years is engaged with his uncle and father coloring and drawing constantly.
He studied at School of Art in Bergamo and he graduated in Visual Art at Academy of Fine Arts Brera in Milan; his thesis was on Max Klinger, master of drawing and graphics.
The main features of his work are the maniacal attention to detail (using a magnifying glass for each work, small or large) and the influence of the Enigmas of Salvador Dalì
Precisely is the drawing that move all his work , preferring the automatic drawing in pen, subordinate exclusively to' unconscious. Already in the early years he develops an obsessive passion for History of Art, that will make print and painting with inspiration Dada/Surrealist , using only black and white.
He abandoned in 2010 specialization courses at Brera for dedicate himself to more targeted research.
In Dicember 2011 he creates the project A.N.S.I.A.
This is a collective that bring together young surrealists and expressionists artists.
From 2014, after a year in Ca 'Laghetto in Milan, loads of ideas and creative energies, he returned to paintings larger, taking up the technical Flemish and carefully studying the work of Pieter Brueghel and Bosch, the drawing is always the base for everything, in fact, the Grisaille is the technique used for the underpainting.

Since September 2014 he moved to London

Send this profile to a friend

>> View All Members