GASPARE MANOS REPRESENTS ITALY AT OPEN 13 – INTERNATIONAL EXHIBITION OF SCULPTURES AND INSTALLATIONS IN VENICE, AFTER EMILIO VEDOVA AND SANDRO CHIA.




            

GASPARE MANOS REPRESENTS ITALY AT OPEN 13 – INTERNATIONAL EXHIBITION OF SCULPTURES AND INSTALLATIONS AFTER EMILIO VEDOVA AND SANDRO CHIA.

L’ARTISTA  GASPARE MANOS PARTECIPA A OPEN 13 – ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DI SCULTURE ED INSTALLAZIONI VENEZIA 2010 . L’OPERA DEL MANOS ESPOSTA  HOTEL EXCELSIOR,  VENEZIA DAL 1 SETTEMBRE 2010.

Per ulteriori informazioni : info@artecommunications.com Tel. +39 041 5264546

L’artista Italiano GASPARE MANOS gia definito dal filosofo Karl Popper come “l’imaginifico dell’arte contemporanea “ partecipa a OPEN 13. Hanno partecipato in passato artisti come Marc Quinn, Louise Bourgeois, Sandro Chia, Emilio Vedova, Richard Long, Cesar, Beverly Pepper, Keith Haring e Julian Schnabel.  Gaspare Manos rappresentera  l’Italia assieme ad altri artisti presentando una sua installazione di opere dipinte su scatole ed imballaggi che hanno viaggiato per posta – L’opera sottolinea la sua vita da giramondo tra Africa, Asia e Europa e la natura globale dell’arte oggi.  Gaspare Manos esulta: ”e’ un onore rappresentare il mio paese a OPEN 13. E’ un dovere per ogni artista creare un linguaggio globale senza pero’ dimenticare le sue radici. Nel mio caso le radici sono molto italiane ma la mia visione profondamente internazionale avendo visuto in 3 continenti diversi”.

GASPARE MANOS : 100 BOXES dated  2000-2010

Macintosh HD:Users:gasparemanos:Desktop:portaits de Gaspare:OPEN Gaspare Manos  in atelier with BOXes april 2010.jpg

 

Gaspare Manos e’ meglio noto per i suoi quadri e rappresentazioni del mondo urbano  come si e’ potuto vedere recentemente presso la famosa Galleria Boulakia di Parigi www.boulakia.net  ma le sue sculture ed installazioni sono  radicali e provocanti opere d’arte apprezate dalle grandi menti del nostro secolo;  dal philosofo Karl Popper,  a grandi curatori come Pontus Hulten ed Alan Jones. Secondo l’artista Sigmar Polke  intervistato nel 2007, Gaspare Manos oltrepassa la più tradizionale arte scultorea a favore di una combinazione di costruzioni , di “assemblaggi”  chiaramente in linea con il suo pensiero e visione della ‘realta’ che concepisce come  ‘relativa e socialmente guidata’ e questa sua ricerca nell’ andare oltre la superfice li accomuna.

L’artista Manos ha spesso utilizzato la scultura e l’installazione come un mezzo per il tentativo di plasmare idée, spesso trasformandole poi in quadri inovativi. Le sue opere sono la prova tangibile di un complesso mondo urbano che Gaspare Manos ha metabolizzato e re-interpretato  con un linguaggio altamente personale per esplorare nuove forme plastiche. Collezionate da grandi nomi dell’arte, queste scatole dipinte del Manos sono difficilmente reperibili, poiche’ opere altamente personali che l’artista raramente lascia vendere a galleristi.

 

Gaspare Manos :  BOX Cairo Lady 2010 for OPEN 13

:gaspare manos BOX PROJECT APRIL 2010:gaspare manos  BOX Cairo lady - 2010.jpg

 

Secondo Rosa Maria Malet (Direttrice della Fondazione Joan Miro’ di Barcellona) Gaspare Manos e’ un artista che “domina il colore”. In contrasto con I suoi quadri colorati, le sue esplorazioni architettoniche e scultoree sono spesso senza colore, come quelle di Cy Twombly. Manos spiega che “le strutture fisiche contengono gia’ colore nella loro natura pluridimensionale, mentre la superfice piatta della tela ha bisogno di colore per darle una struttura”. Per OPEN 13, Manos ha scelto pero’ di mettere in mostra delle opere molto personali ed altamente colorate.

Secondo Alan Jones, il grande storico dell’arte e biografo di Leo Castelli, “È in questa geografia dell’immaginazione che Gaspare Manos traccia il suo cammino nel territorio inesplorato di sensazioni ricordate, di impressioni fuggitive, nell’impegno del testimone oculare che è il segno della memoria dell’artista.”

 

Singolare, eclettica quanto mutevole OPEN, Esposizione Internazionale di Sculture ed Installazioni giunge quest’anno alla sua tredicesima edizione, dopo una lunga storia che ha visto la partecipazione di settantuno paesi, trecentosessanta artisti da e centocinquanta curatori. Si apre dunque dal 1 settembre al 3 ottobre parallelamente alla 67. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, un nuovo percorso espressivo, un’officina dell’arte all’aperto, nella quale le opere sono tappe per lo sguardo e per l’interazione. Trentanove artisti si misurano con gli spazi di Venezia Lido e dell’Isola di San Servolo per definire il luogo sia fisico che mentale, residuo allusivo che si trova nella memoria personale e nell’esperienza collettiva. Create, quasi tutte, per la mostra, le sculture e le installazioni sono spazi di riflessione nei quali l’arte muta la tensione verso l’indefinito, eludendo schemi o imposizioni tematiche, per dare al visitatore la possibilità di pensare ad un’arte libera, aperta al divenire.

 

Gaspare Manos :  BOX Dreaming of Miro’  for OPEN 13

 

:gaspare manos BOX PROJECT APRIL 2010:GASPARE MANOS

 

Ideata e curata da Paolo De Grandis, co-curata da Carlotta Scarpa, organizzata da Arte Communications in collaborazione con l’Assessorato alle Attività Culturali del Comune di Venezia, la mostra è patrocinata dal Ministero degli Affari Esteri, dalla Regione del Veneto, dalla Provincia di Venezia e dal Comune di Venezia. In OPEN, il binomio scultura-ambiente è un tema inesauribile e affascinante in virtù della forte matrice concettuale che si rinnova nell’intento di presentare i molteplici aspetti del discorso artistico. La necessaria controparte sono gli spazi urbani e le aree verdi di un territorio inteso nella complessità delle sue valenze antropologiche e culturali. OPEN ha creato negli anni un genius loci forte delle innumerevoli presenze artistiche internazionali che hanno apportato culture e tradizioni diverse nell’isola ridefinendone il sostrato culturale. Si crea così ogni anno un ampio orizzonte di sperimentazione linguistica, le cui opzioni nel caso della scultura sono diventate sempre più sensibili alla scelta stessa dei materiali sia che appartengano alla tradizione statuaria sia che siano riferibili alla produzione industriale fino alle installazioni suscettibili dei più sorprendenti processi di risemantizzazione. Nel suo intreccio di natura e cultura, interno ed esterno, biologico e tecnologico, OPEN condensa le tendenze contemporanee internazionali grazie alle sinergiche collaborazioni con critici, curatori ed istituzioni. Prosegue infatti oramai da cinque anni il fortunato progetto di presentare la giovane arte frutto della didattica delle Accademie e quest’anno figurerà la prestigiosa Accademia di Belle Arti di Brera sotto la direzione curatoriale di Saverio Simi de Burgis e la coordinazione di Marco Pellizzola. I nove giovani talenti Alberto Gianfreda, Michele Guido, Daniela Novello, EmanuelaRizzo, Federica Alì, Radis Nikzad, Chiara Rinaldi, Marco Maria Giuseppe Scifo e Jessica Soffiati presentano presso il parco dell’Isola di San Servolo progetti site specific che sollecitano alla riflessione e diventano essi stessi metastrumenti cognitivi.

 

L’attenzione verso le nuove leve dell’arte è inoltre scandita dal recente sodalizio con il Premio Arte Laguna. Tra i finalisti del Premio Arte Laguna 2009, sono infatti stati scelti per OPEN i giovani scultori Theo Reeves-Evison, Olga Schigal ed il duo Koji Yoshida – Dario Tironi. Nel corso dell’esposizione sarà inoltre indetto il Premio Speciale Arte Laguna che sarà assegnato ad un artista dell’Accademia di Belle Arti di Brera selezionato dalla giuria di Arte Laguna. Tale premio offrirà al vincitore la possibilità di figurare tra i finalisti del premio Arte Laguna 2010 ed esporre nell’ambito del circuito organizzato dalla stessa associazione. Una partnership che si estenderà anche nel corso delle prossime edizioni di OPEN e parallelamente con il Premio Speciale PDG Arte Communications nell’ambito del Premio Arte Laguna.

 

Si inaugura per lo spettatore un nuovo percorso nel mondo dell’arte contemporanea internazionale, un nuovo allestimento all’aperto e una nuova riflessione sui linguaggi dell’arte. L’incipit sono le opere fondamentali di Dennis Oppenheim e ORLAN. L’artista statunitense, tra i massimi esponenti dell’arte concettuale contemporanea della seconda metà del XX secolo, dedito soprattutto alla realizzazione di grandi opere installative negli spazi pubblici, presenta “Heavy Dog Kiss” una importante opera in marmo che poi farà parte della collezione del Museo del Parco di Portofino diretto da Daniele Crippa. Del tutto radicale, opposto al banale e al prevedibile è l’approccio dell’artista francese ORLAN, che ad OPEN presenta “Drive-in: ORLAN REMIX”, una video installazione con una limosine gonfiabile dove il concetto di ibrido è protagonista assoluto, capace di divenire in modo tangibile significato e significante, mezzo espressivo dell’opera d’arte di cui delinea forma e contenuto.

Pensata per la cupola del Blue Moon è l’opera “Seconda natura” di Gaetano K. Bodanza dove la relazione con le forze primigenie della natura, l’esaltazione della vita come flusso incontenibile, l’epifania nomadica senza territorio, tempo, lingua, sono aspetti costanti che esaltano la stupefacente forza espressiva di questo rinato ciclo di opere presentato in anteprima presso la Galleria Moretti & Moretti di Parigi. Ispirata all’opera del regista John Woo, a cui sarà conferito il Leone d’Oro alla carriera durante la Mostra del Cinema, “The Face Machine” di Amy Cheung è un’indagine sulla violenza, lo spettacolo, il binomio buono/cattivo per coglierne la persistenza ancestrale e catapultare il visitatore in un gioco interattivo. Il panorama espositivo si sviluppa poi attraverso le installazioni dal forte impatto visivo di Aristotelis Deligiannids e di Giacomo Roccon e Barbara Taboni, le fotografie di Margherita Errante in cui l’occhio dell’artista si aggira e seleziona istantanee estreme, metafora di una condizione esistenziale sempre più globalizzante e globalizzata e poi l’ironica opera dell’argentina Nora Iniesta, gli interventi modulari di E.M.C. Collard, la video performance di Andrea Fincato e Giulio Escalona fino alle sperimentazioni linguistiche di Annalù, Alice Olimpia Attanasio, Michela Pedron e Margherita Mauro. In seguito il visitatore sarà condotto in un viaggio immaginario attraverso le monolitiche figure di Ursula Huber, le “scatole” da viaggio di Gaspare Manos, gli “abiti senza corpo” diFlavio Lucchini, l’intervento di archeologia urbana di Stefano Fioresi, l’installazione zen di Alexandra Marati, la “preghiera” concettuale di Gina Brezini, i profili bendati di Ottavio Pinarello, fino alla partecipazione cipriota di Phanos Kyriacou e quella della cinese Yi Zhou.

 

Come ormai tradizione, il successo di OPEN negli anni è stato contrassegnato da numerose presenze curatoriali che hanno apportato alla mostra una ricerca incentrata sulle ultime tendenze dell’arte e della cultura in ambito sia nazionale che internazionale. Tra le novità di quest’anno la presenza di Alan Jones, newyorkese, critico e curatore di mostre d’arte, da sempre uno dei massimi conoscitori della scena della Pop Art. Si conferma nuovamente la presenza di Gloria Vallese che si rende promotrice dinamica della giovane arte italiana e continua il felice sodalizio con Christos Savvidis per la partecipazione greca, Chang Tsong-zung per l’Asia e Nevia Pizzul Capello per la partecipazione tedesca. Le opere in mostra sono interventi paralleli che pur nascendo all’insegna della assoluta libertà espressiva slegata da un tema obbligatorio, si incontrano, si contaminano, si ibridano senza confondersi.

 

Raggiunge quest’anno la sua decima edizione il Premio OPEN, premio speciale collaterale alla 67. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica ad un regista partecipante la cui opera riveli un forte legame tra cinema e arti figurative. Il premio consiste in un’opera realizzata dal Maestro Gaspare Manos. La mostra è accompagnata da un catalogo che raccoglie gli interventi critici ed istituzionali e le opere esposte, disponibile presso l’infopoint Arte Communications al Lido in Piazzale Bucintoro.

:portaits de Gaspare:GASPARE MANOS photo per OPEN 2010 .jpg

Gaspare Manos Foto 2010. www.gaspare-foundation.com

 

ARTISTI PARTECIPANTI

 

ARGENTINA Nora Iniesta

CINA Amy Cheung, Yi Zhou

CIPRO Phanos Kyriacou

FRANCIA ORLAN

GERMANIA E.M.C. Collard

GRAN BRETAGNA Theo Reeves-Evison

GRECIA Aristotelis Deligiannidis, Alexandra Marati

ITALIA Annalù, Alice Olimpia Attanasio, Gaetano K. Bodanza, Crash Toys (Dario Tironi, Koji Yoshida), Margherita Errante, Andrea Fincato – Giulio Escalona, Stefano Fioresi, Ursula Huber, Flavio Lucchini, Gaspare Manos, Margherita Mauro, Michela Pedron, Marco Pellizzola, Ottavio Pinarello, Giacomo Roccon – Barbara Taboni,

RUSSIA Olga Schigal

USA Dennis Oppenheim

USA BULGARIA Gina Brezini

 

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA: Federica Alì, Alberto Gianfreda, Michele Guido, Radis Nikzad, Daniela Novello, Chiara Rinaldi, Emanuela Rizzo, Marco Maria Giuseppe Scifo, Jessica Soffiati.

 


Related Posts

Artic Biennale
Charlie Smith London - Open call for Anthology 2017
Open Source Salon with Hauser and Wirth - A new monthly discussion group
Advertise your next show on Artlyst from £200 per week